Organizzazione e Promozione di Eventi Culturali

L M M G V S D
26
27
28
29
30
31
1
 
 
 
 
 
 
 
2
3
4
5
6
7
8
 
 
 
 
 
 
 
9
10
11
12
13
14
15
 
 
 
 
 
 
 
16
17
18
19
20
21
22
 
 
 
 
 
 
 
23
24
25
26
27
28
29
 
 
 
 
 
 
 
30
1
2
3
4
5
6
 
 
 
 
 
 
 

Lo Studio MRZ desidera offrire il proprio contributo per sostenere e promuovere l’attività di alcune realtà musicali cremonesi che si stanno affermando sia a livello nazionale che internazionale.

Si tratta in particolare del Coro Costanzo Porta www.costanzoporta.it e del Trio Kanon www.triokanon.it

Associazione Costanzo Porta

Coro Costanzo Porta
Orchestra Cremona Antiqua
Scuola di musica e canto corale

CHI SIAMO ARTE E FORMAZIONE: PER NOI UN BINOMIO INSCINDIBILE

Siamo una struttura organizzata, facente capo all’omonima Associazione, senza fini di lucro e regolarmente iscritta al registro provinciale come “Associazione di promozione sociale”. Siamo una realtà giovane, dinamica, in costante ascesa e lavoriamo in campo musicale per rendere sempre più saldo il binomio “arte e formazione”. Il nostro è un autentico progetto culturale che intende creare nel panorama italiano un polo di cultura musicale sul modello delle antiche cappelle musicali seicentesche. Muoviamo e promuoviamo un Coro dal 1993, una Scuola dal 2000 e un Ensemble strumentale dal 2004. La produzione artistica spazia dalla musica antica a quella contemporanea in un costante e serio lavoro formativo ed artistico. Presidente dell'associazione e Direttore musicale è il Maestro Antonio Greco.

A. La Realta' Artistica

Coro Costanzo Porta

Il Coro Costanzo Porta nasce nel 1993 per volontà di Antonio Greco, si mette in luce aggiudicandosi premi in concorsi nazionali ed internazionali, e prende parte ad importanti rassegne quali il Festival dei due Mondi di Spoleto, il Ravenna Festival, il Festival Monteverdi di Cremona, il Maggio Musicale Fiorentino, la rassegna Musica e poesia a San Maurizio di Milano, il Festival Pergolesi/Spontini di Jesi, Istituzione Universitaria dei Concerti – La Sapienza di Roma, Associazione Scarlatti di Napoli, Emilia Romagna Festival, Anima Mundi di Pisa, esibendosi inoltre presso i teatri Fraschini di Pavia, Nuovo di Udine, Piccini di Bari, Valli di Reggio Emilia, Comunale di Ferrara, Alighieri di Ravenna, Sociale di Como, Grande di Brescia.

Il Coro collabora con gruppi strumentali quali Accademia Bizantina, diretta da Ottavio Dantone, con cui prende parte alle produzioni de L’Orfeo (2003/04), de Il ritorno di Ulisse in patria (2004/05) e del Vespro della Beata Vergine (2005) di Monteverdi, e al Dixit Dominus di Händel (2009); con I Virtuosi italiani, con i quali ha eseguito la Johannes-Passion di Bach sotto la direzione di Michael Radulescu (2000); con l’Orchestra Barocca di Venezia e Andrea Marcon, negli allestimenti dell’Andromeda Liberata di Vivaldi (2006) e de L’Orfeo di Monteverdi (2007) per la regia di Andrea Cigni; con Ensemble Elyma, diretto da Gabriel Garrido, con cui ha messo in scena La Dafne di Marco da Gagliano (2007), sotto la regia di Davide Livermore; con Ensemble La Risonanza di Fabio Bonizzoni (Vespro della Beata Vergine, 2008), Orchestra Cantelli di Milano, Ensemble Dolce & Tempesta, Orquesta Juvenil Universidad Nacional de Tucumán (2009), i celeberrimi Tallis Scholars (2011), con cui ripeteranno la collaborazione nella primavera del 2012. Dal 2004 al Coro si affianca il Consort Costanzo Porta, gruppo strumentale specializzato nell’esecuzione del repertorio tardo rinascimentale e barocco, con il quale sono stati eseguiti programmi dedicati a Giovanni Gabrieli, Monteverdi, Händel, Bach.

Il 2014 è stato per il Coro Costanzo Porta un anno molto proficuo. E' stato selezionato come unico coro italiano alla prima edizione di "A cappella Choir competition" che si è svolta a Londra dal 22 al 26 aprile sotto l'egida di Peter Phillips, direttore dei Tallis Scholars, ed è stato scelto da "La Risonanza" per la rappresentazione di "Dido and Aeneas" di Purcell.

Il Coro ha all'attivo cinque incisioni, tra cui una prima mondiale della Messa da Requiem K 626 di Mozart nella trascrizione per soli, coro e pianoforte a quattro mani di Carl Czerny (Discantica, 2011); una silloge di composizioni sacre di Tebaldini per coro e organo (Tactus, in uscita a marzo 2012) e il contributo corale ad un arrangiamento sinfonico di brani degli anni Settanta di Fabrizio De Andrè in collaborazione con la London Simphony Orchestra per la direzione di Geoff Westley (Sony, novembre 2011). a Regensburg, Rimini e Bruges.

Orchestra Cremona Antiqua

Nasce nel 2004 su iniziativa di Antonio Greco il gruppo strumentale “Consort Costanzo Porta” che in seguito assumerà la denominazione di CREMONA ANTIQUA. Esso proseguirà, unitamente al Coro e all’Ensemble vocale Costanzo Porta, l’esplorazione del repertorio Barocco, inteso nella sua più larga accezione, dal primo Seicento italiano al pieno Settecento, mantenendo le sue caratteristiche di grande flessibilità nella scelta di programmi e dei relativi organici. Fin dall’esordio, avvenuto in occasione della XXI edizione del Festival di Cremona “Claudio Monteverdi” con Le Cantate Sacre di Johann Sebastian Bach [BWV 106, 131, 105], il gruppo, costituito da giovani strumentisti italiani e stranieri, ha suscitato apprezzamenti entusiastici per l’elevato virtuosismo, coniugato a una incantevole qualità timbrica, in armonico equilibrio con le già affermate doti del Coro. L’ensemble ha affrontato repertorio sacro (C. Monteverdi, Giovanni Gabrieli, S. Bach , F. Händel, H. Schütz) e profano (madrigali di Claudio Monteverdi, Andrea Gabrieli, Diego Personè) esibendosi oltre che per il Festival C. Monteverdi di Cremona, al Festival dei due mondi di Spoleto, al Festival internazionale per organo di Aosta, al Festival internazionale di Mezza Estate di Tagliacozzo, al Festival Pergolesi Spontini di Iesi, alla Sagra malatestiana di Rimini, alla Rassegna Cori a palazzo di Mantova, e per le rassegne concertistiche degli Amici della musica di Verona e di Lucca. Partecipa dal suo nascere alla rassegna “Porta della Musica” di Palazzo Fodri in Cremona. Nel 2015 ha avviato la collaborazione con il Festival Valle dell’Itria di Martina Franca. Ha partecipato alla incisione dei Madrigali op.7 di Biagio Marini per la casa discografica TACTUS.

Ensemble vocale Costanzo Porta

La ricerca stilistico-vocale e lo studio del Rinascimento e del Barocco italiani hanno condotto alla creazione, in seno alla più vasta formazione corale, di un Ensemble specializzato nell’esecuzione del repertorio madrigalistico. L’attività dell’ensemble si è volta alla valorizzazione di repertori molto celebrati, come quello monteverdiano, accanto ad altri di minor frequentazione, quale il madrigale policorale di scuola veneziana – con Andrea e Giovanni Gabrieli esponenti di spicco – sino alla riscoperta di autori dimenticati dalla storia ufficiale. All’interno di un progetto monografico coordinato dal Conservatorio ‘Tito Schipa’ di Lecce, l’Ensemble ha realizzato l’incisione di una silloge di composizioni tratte dal IV libro di Madrigali di Diego Personé, nobile leccese del XVII secolo. L’ensemble Costanzo Porta, dalla propria creazione (fine 2007) ad oggi, ha tenuto concerti in Puglia (Lecce, Carpignano), a Mantova in Palazzo Tè (rassegna ‘Cori a Palazzo’), a Cremona presso il Festival Monteverdi e presso i matinées del Museo, nella rassegna ‘Presso un fiume tranquillo’ (Borgo di Rivalta, Pc), al Festival ‘Pergolesi Spontini’ di Jesi e più recentemente alla Casa della Memoria di Milano.

Antonio Greco, direttore

A sette anni ha iniziato la propria esperienza nel canto corale sotto la guida di monsignor Dante Caifa, già maestro di Cappella della Cattedrale di Cremona, del quale è in seguito divenuto assistente. Si è diplomato in Pianoforte con Mario Gattoni, presso il Conservatorio Campiani di Mantova, in Musica corale e direzione di coro con Domenico Zingaro presso il Conservatorio Verdi di Milano, e ha conseguito con lode il Diploma Accademico di II livello in Polifonia rinascimentale sotto la guida di Diego Fratelli, presso il Conservatorio Schipa di Lecce.

Ha studiato composizione con Marco Stassi, Nicola Evangelisti e Paolo Arcà; direzione d’orchestra con Lorenzo Parigi, Ludmil Descev, Piero Bellugi, Julius Kalmar; direzione corale con Domenico Zingaro e Roberto Gabbiani, canto con Elisa Turlà, seguendo il Metodo Voicecraft E.V.T.S. di Joe Estill. Ha studiato prassi esecutiva antica e ornamentazione con Roberto Gini; clavicembalo e basso continuo con Giovanni Togni; contrappunto e teoria rinascimentale con Diego Fratelli; ha approfondito il repertorio madrigalistico monteverdiano con Gabriel Garrido e quello delle cantate di J. S. Bach con Michael Radulescu. È stato assistente di Umberto Benedetti Michelangeli e Amedeo Monetti ai corsi di formazione orchestrale Cremona città d’arte. Ha insegnato Teoria, solfeggio e dettato musicale,  Direzione di coro e repertorio corale per Didattica della musica presso l’Istituto Pareggiato Jacopo Peri di Reggio Emilia; attualmente è docente di Esercitazioni Corali presso l’istituto pareggiato di Ravenna.

Nel 1993 ha fondato il Coro Costanzo Porta, alla cui guida ha vinto premi in concorsi nazionali ed internazionali, ed ha preso parte ad importanti rassegne concertistiche quali il Festival dei due Mondi di Spoleto, il Ravenna Festival, il Festival Monteverdi di Cremona, il Maggio Musicale Fiorentino, la rassegna Musica e poesia a San Maurizio organizzata dalla Società del Quartetto di Milano, collaborando con gruppi strumentali quali Accademia Bizantina, I Virtuosi italiani, Orchestra Barocca di Venezia, Ensemble Elyma, Ensemble La Risonanza, Orchestra Cantelli di Milano. Nel 2006 ha avviato la propria collaborazione con As.Li.Co e il Circuito Lirico Lombardo, del quale è stato nominato Maestro del Coro. In qualità di maestro del coro ha al proprio attivo oltre trenta titoli del repertorio operistico, dal primo barocco al Novecento storico.

Dal 2010 collabora con il Festival della Valle d’Itria come docente e direttore di varie produzioni tra cui “Il novello Giasone” di Francesco Cavalli/ Alessandro Stradella, prima rappresentazione mondiale in tempi moderni, con la regia di Juliette Deschamps – esecuzione trasmessa in diretta da Radio 3.

Il maestro Greco si sta affermando anche sul piano internazionale: nel giugno 2015 parteciperà come docente ad una Masterclass a Mosca è inoltre è stato scelto da Sir Jhon Eliot Gardiner, il più importante direttore vivente di musica Antica, come proprio sostituto ed esperto di musica monte verdiana, ad una Masterclass, che si terrà in Toscana nell’estate 2015.

Perchè sostenere la Realta' Artistica?

perchè quella del coro e dell'orchestra è una realtà in costante ascesa, un gruppo giovane, brillante e di comprovata qualità artistica che opera già da tempo nel settore. Il vostro aiuto potrebbe completare il progetto di sviluppo che fa del “Costanzo Porta” e di Antonio Greco, apprezzato direttore di coro e Orchestra, un veicolo per la diffusione della musica e uno dei punti di riferimento stabili all’interno del panorama concertistico e musicale in Italia;

        B. La Realta' Formativa

Scuola di Musica e Canto Corale

La Scuola di Canto Corale Costanzo Porta nasce nel 2000 su iniziativa del M° Antonio Greco con il sostegno del Centro di musicologia Walter Stauffer, tutt’ora fiducioso e indispensabile sostenitore del progetto.

L’idea alla base del progetto SCUOLA è di costruire un sistema di educazione musicale integrato e permanente che sia di richiamo per tutti coloro che, per scelta o casualità, non hanno usufruito del sistema istituzionale dell’Educazione Musicale, ma che sia anche vivaio di vocalità per l’attività artistica professionale del Coro.

L’attività didattica, diretta e organizzata in prima persona dal M° Greco è altrettanto accurata e intensa rispetto a quella artistica. Il M° Greco ha infatti sviluppato, nel corso degli anni, un efficace e innovativo metodo didattico, applicabile con successo provato ad allievi di tutte le età e dei più svariati livelli di cultura musicale.

Gli obiettivi didattici fondamentali sono:

  • fornire una buona preparazione tecnico-pratica e teorica per cantare in coro: corretta emissione, controllo dell’intonazione, padronanza dei fondamenti della teoria musicale, conoscenza del repertorio;
  • creare un centro di formazione per artisti del coro e sviluppare così una figura professionale presente nel panorama musicale europeo (Germania, Inghilterra, Olanda) ma assente nel panorama italiano: il corista professionista con specifiche competenze tecnico-culturali e in grado di affrontare quell’attività corale di stampo professionistico che in Italia è prevista solo nel settore della lirica.
  • costituire un vivaio stabile per il Coro Costanzo Porta.

Attualmente la scuola offre:

CORSI di ALTA FORMAZIONE CORALE/ CORO LABORATORIO per PROFESSIONISTI o SEMI PROFESSIONISTI: si rivolgono a persone di età compresa tra i 18 e i 40 anni.
 Nell’arco di un quadriennio gli allievi ricevono una formazione professionalizzante, sviluppano e perfezionano le peculiari competenze dell’artista del coro. I corsi sono completamente gratuiti grazie al sostegno della Fondazione W. Stauffer;

FORMAZIONE e CORALITA' per i GIOVANI: si rivolge ai giovani dai 12 ai 25 anni con lo scopo di offrire un completo percorso didattico musicale, che per gli allievi più dotati e interessati può naturalmente sfociare nella formazione professionale.  
Il Coro Giovanile può anche considerarsi un' esperienza didattica indipendente con una propria vita artistica, il cui scopo principale rimane la formazione musicale di base attraverso l’esperienza del canto corale;

FORMAZIONE e CORALITA' per le VOCI BIANCHE: il progetto Incanto d’Infanzia è concepito per dare ai bambini dai 3 ai 12 anni un’educazione musicale completa, efficace e divertente. Le attività sono divise in due fasi: la Propedeutica, per i piccoli fino a 6 anni e il Coro delle Voci Bianche nel quale entrano tutti i bambini dai 6 anni, anche se non hanno alcuna preparazione musicale. La formazione offerta si avvale dei migliori metodi di educazione musicale per l’infanzia, in particolare del metodo Willems, e ha come obiettivo principale quello di sviluppare le abilità musicali del bambino.
L’esperienza del coro ha il valore di coniugare l’apprendimento alla socializzazione e al gioco attraverso la musica.

PRIME NOTE: laboratorio musicale da 0 ai 36 mesi con accompagnamento di un genitore

Dal dicembre 2012 è partita una sperimentazione unica:  estendere allo studio dello strumento la medesima metodologia applicata allo studio della voce. Cominciando dai nostri piccoli cantori e fedeli al terreno della musica antica nel quale ci siamo formati e che rappresenta la nostra cifra distintiva, è possibile studiare uno o due strumenti con il fine specifico di allenare alla musica d'insieme fra strumenti e fra strumenti e voci.

CORSI DI STRUMENTO E DI MUSICA D'INSIEME: prevedono per tutti i livelli e per tutte le età, l'insegnamento del violino, della viola da gamba, del pianoforte/cembalo e del flauto, una buona base per praticare seriamente fin da subito, musica d'insieme, con l'obbligo, proprio della peculiarità della scuola, dello studio integrato della vocalità.

Perchè Credere nella nostra Formazione?

  • perché la Scuola Costanzo Porta rappresenta il primo progetto di formazione vocale che copre, in modo integrato e continuativo, un lungo arco di vita, seguendo l'allievo in tutte le fasi del percorso formativo, persino una volta entrato a far parte dell’attività artistica vera e propria;
  • perché la nostra realtà offre qualcosa di unico rispetto alle altre offerte presenti sul territorio che riguardano la musica e che riguardano Cremona - città della musica: garantisce, sul modello delle grandi cappelle musicali del passato, la possibilità di formarsi come musicista a tutto tondo;
  • perché quella della cappella musicale è una filosofia educativa eminentemente pratica. Il percorso per chi entra in tenera età è fluido e privilegiato, poiché sfocia in modo naturale nell'attività professionale del Coro Costanzo Porta e dell'Orchestra Cremona Antiqua. Per gli altri vi sarà la possibilità di inserirsi in uno degli stadi a seconda delle peculiarità e degli interessi, certi che una realtà così fortemente rivolta al lavoro d'insieme sappia sia integrare, valorizzandole, le proprie esperienze musicali pregresse, sia dare pieno compimento, conoscitivo e artistico, alla propria passione..

C. L’Assetto Organizzativo

Il Coro Costanzo Porta si è costituito in Associazione nel 1998. Il presidente e rappresentante legale pro tempore è il M° Antonio Greco ed esiste un Tesoriere e il Consiglio di Amministrazione, cui vengono demandate le decisioni più importanti. L’Assemblea dei Soci si riunisce regolarmente almeno una volta all’anno per l’approvazione del bilancio.

In base al proprio Statuto, l’Associazione Costanzo Porta persegue i seguenti scopi:

  • ­     diffondere la cultura musicale promuovendo la musica corale e strumentale
  • ­     promuovere iniziative destinate alla formazione musicale e culturale dei soci e dei cittadini in genere con particolare attenzione all’età giovanile;
  • ­     allargare gli orizzonti didattici di educatori, insegnanti ed operatori sociali in campo musicale affinché sappiano trasmettere l’amore per la cultura musicale ed artistica come un bene per la persona ed un valore sociale;
  • ­     proporsi come luogo d’incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l’ideale dell’educazione permanente.

L’Associazione ha attualmente una dipendente che si occupa della segreteria didattica e amministrativa e alcuni collaboratori, in particolare, la coordinatrice dell’attività artistica; un maestro , quattro docenti di teoria musicale e canto, tre/quattro docenti di strumento, un addetto alla pagina web e alla biblioteca ; l’organico del coro è costituito da circa 40 coristi, a questi si aggiungono dei collaboratori esterni all'attività artistica (per esempio coristi aggiunti e/o strumentisti) che variano a seconda dell'attività e/o della necessità (da 3 a 12). Questo assetto è in fase di ampia revisione e si prevede una maggiore responsabilizzazione del CdA e un maggior impiego di volontari.

D. Informazioni di dettaglio

  1. Concertistica

Il Coro Costanzo Porta, dal 1993 ad oggi ha realizzato 200 rappresentazioni.

  1. Discografia

Il Coro ha all'attivo cinque incisioni:

i Madrigali di Diego Personè in occasione della pubblicazione dell'inedito filologico da parte del  Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Lecce (2007); due sinfonie contemporanee di Alfonso Rega (Sinfonia n.4 “Olocausto” e n. 7 “11 Settembre”) in collaborazione con l'Orchestra Cantelli di Milano per la direzione di Einrich Unterhofer, presentate al pubblico nel gennaio 2008 con un concerto tenuto nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano; la prima mondiale della Messa da Requiem K 626 di Mozart nella trascrizione per soli, coro e pianoforte a quattro mani di Carl Czerny (Discantica, 2011); una silloge di composizioni sacre di Tebaldini per coro e organo (Tactus, 2012), il contributo corale ad un arrangiamento sinfonico di brani degli anni Settanta di Fabrizio De Andrè in collaborazione con la London Simphony Orchestra per la direzione di Geoff Westley (Sony, novembre 2011).

  1. Progetti andati a buon fine

PROGETTO PER LIBERALITA' A FONDO PERDUTO del Centro di musicologia “W. Stauffer” a sostegno della SCUOLA DI CANTO CORALE (corso di Alta formazione):  struttura l'intera associazione dal 2000  ad   oggi;

PROGETTI SU BANDI ISTITUZIONALI:

progetti comunali per la didattica musicale (2006- 2007- 2008- 2009 progetti per le scuole su Monteverdi)

bando comunale Think town ( ed. 2012 per il progetto  “Un giorno nel Rinascimento cremonese - visita virtuale acustico - artistica a una corte del Cinquecento  nel nord Italia –)

Legge regionale 1 (bandi per le associazioni di promozione sociale: (2007 per progetti didattici della scuola di canto corale; 2009/10 per strumenti informatici; 2011/12 per strumenti per nuovi corsi musicali per l'infanzia);

Legge regionale 9/93 finanziata dall'amministrazione provinciale: (2009 per il progetto dei seminari speciali di Canto gregoriano e Polifonia rinascimentale; 2012 per il progetto “Cappella musicale cremonese-musica d'insieme per strumenti e voci);

PROGETTI DI SPONSORIZZAZONE CULTURALE per soggetti/enti/ aziende PRIVATI (tesi a promuovere le novità annuali sia sul versante didattico che sul versante artistico):

Consorzio Etruria: 2007-08

Banca di credito cooperativo (2007/08)

Fondazione Bipop Cr: (2007/2009/2011)

Cassa Padana (2012)

LGH per la cultura (2012)

AEMcom (2013 sottoforma di prestazioni gratuite di connessioni per la nuova sede);

alcuni piccoli sponsor privati per rassegna di Rivalta (2009/10)

Fondazione Banca Popolare di Cremona (2014)

  1. Relazioni istituzionali:
  • Dal 2000 il prestigioso Centro di musicologia “W. Stauffer” dà un cospicuo contributo a sostegno della Scuola di canto corale (Corsi di Alta formazione);
  • sia il Comune di Cremona (prima attraverso progetti per la didattica poi attraverso il bando Think town ) sia l’Amministrazione Provinciale hanno dato contributi su progetto tramite bandi per la cultura e/o per l'associazionismo;
  • la Fondazione Città di Cremona ha offerto in comodato gratuito i locali della attuale sede della Associazione;
  • la facoltà di Musicologia ha dato la possibilità ad alcuni suoi studenti di realizzare uno stage presso l’associazione;
  • con la Scuola di Liuteria abbiamo attivato una convenzione per la fornitura di strumenti musicali da studio per i nostri corsi di strumento e musica d'insieme;
  • la Fondazione Bipop di Cremona (Presidente Vito Zucchi) biennalmente ci dà un contributo su progetto;
  • con il Teatro Ponchielli i rapporti sono stati stretti e continuativi sotto la segreteria artistica di Arnaldo Bassini, ora hanno mutato fisionomia (consultare Antonio)
  • abbiamo buoni rapporti con la maggioranza delle scuole cittadine per via dei progetti realizzati per la didattica che hanno avuto un buon successo (soprattutto Classico, linguistico, magistrali, istituti professionali, Liceo Vida etc);
  • buoni anche i rapporti con la Fondazione Stradivari nella persona di Paolo Bodini, anche non si è collaborato per alcun progetto
  1. Presenza sul web

Il Coro Costanzo Porta ha un proprio sito web www.costanzoporta.it articolato in due parti, una pertinente l’attività artistica, l’altra dedicata alla scuola.  E’ su facebook con oltre 700 amici. Resta ancora tra le intenzioni la edizione e diffusione di una newsletter in più lingue e un piano di web marketing.

Trio Kanon





Il Trio Kanon, é un sodalizio musicale giovane, fresco, dinamico e in continua ascesa. Esso è composto da Diego Maccagnola, pianoforte, Lena Yokoyama, violino e Alessandro Copia, violoncello. Il Trio Kanon (il nome, oltre ad avere assonanza con il Canone, è anche l'unione di due parole giapponesi: “Ka”, fiore e “On”, musica, quindi letteralmente “musica fiorente”) nasce nell’estate del 2012 dall’amicizia di tre musicisti che hanno deciso di lavorare insieme sotto la guida del Trio di Parma, presso l’International Chamber Music Academy di Duino, fondata dal Trio di Trieste nel 1989.

Il Trio si è esibito in numerosi concerti sia in Italia che all’estero: in Italia presso il Teatro La Fenice di Venezia, il Palazzo Gromo Losa di Biella, gli Studi Rai di Trieste, l’Auditorium W. Walton di Ischia, il Teatro Giacosa di Ivrea, il nuovo Auditorium “G. Arvedi” di Cremona, il Palazzo Ducale e il Palazzo Te a Mantova durante il Mantova Chamber Music Festival 2016; all’estero in Gran Bretagna, Croazia, Austria, Norvegia, Stati Uniti e Cina, Francia riscuotendo ovunque successo di pubblico e di critica.

Nel marzo 2014 è stato uno dei cinque gruppi finalisti (selezionati tra oltre 50 ensemble provenienti da Stati Uniti, Europa e Canada) a partecipare al Chesapeake Chamber Music Competition di Easton (Usa), seguito da un concerto nella Christ Episcopal Church di Cambridge (MD, US).

Nel febbraio 2015 il Trio è stato invitato come “gruppo in residence” a Snape Maltings (UK) per l’Aldeburgh Music 2015, con due concerti per la stagione primaverile presso la Jubilee Hall.

Nel 2015 il Trio Kanon ha vinto il XXI Concorso Nazionale di Musica da Camera Giulio Rospigliosi, aggiudicandosi anche il premio del pubblico; ha ricevuto inoltre il premio speciale della giuria nel 22° International Brahms Competition di Poertschach e il “Chamber Music Award” presso l’Internationale Sommer Akademie Prag-Wien-Budapest, prestigioso riconoscimento patrocinato dall’Haydn Institute di Vienna.

Nel luglio del 2016 ha partecipato ad Harbin (Cina) all’Alice & Eleonore Schoenfeld International String Competition , classificandosi quinto assoluto e primo come trio.

Quale attività massmediale esso ha inciso per la rivista “Amadeus" musiche di L. V. Beethoven.

Ho visto che siete promotori di una importante rassegna musicale, alla quale mi permetto di proporvi di considerare il Trio Kanon.

Ecco il suo Palmares

Febbraio 2017: Trio Kanon ha vinto
"ON STAGE International Classical Music Competition" (Italia)

Ottobre 2016: il Trio Kanon ha vinto il Secondo Premio e il Premio del pubblico
al II Concorso Internazionale per complessi da camera "Antonelli" (Latina, Italia)

Luglio 2016: il Trio Kanon ha vinto il quinto premio
nell' "Alice and Eleonore Schoenfeld International Competition 2016" (Harbin, Cina)

Settembre 2015: il Trio Kanon ha vinto il Premio Speciale della Giuria
nel XXII International Johannes Brahms Competition
(Pörtschach, Austria)

Agosto 2015: il Trio Kanon ha vinto il "Chamber Music Award",
patrocinato dall’Haydn Institute di Vienna
e destinato al miglior gruppo da camera di "Isa 2015"
(Vienna, Austria)

Marzo 2015: il Trio Kanon ha vinto il Primo Premio Assoluto
al XXI Concorso Nazionale di Musica da Camera Giulio Rospigliosi,